Immigrati: ad ognuno i propri e poi risarcisca i danni a casa loro

Pubblicato il Pubblicato in Immigrazione, Senza categoria

Immigrati: ad ognuno i propri e poi risarcisca i danni a casa loro. La mia proposta.

Gira sul web una tabella che illustra il numero complessivo di rifugiati in alcuni Paesi europei e la relativa quota in rapporto ad ogni 1000 residenti.

Per alcuni si tratta di un’arma di persuasione verso coloro che si dichiarano ostili all’accoglienza.

 


tabella della ripartizione in quote degli immigrati in alcuni Paesi europei
tabella della ripartizione in quote degli immigrati in alcuni Paesi europei

Insomma, a voler criticare questo espediente, sarebbe come paragonarlo provocatoriamente all’idea che se da domani vi fosse un’esplosione delle percentuali di pfas negli acquedotti europei, allora tutto rientrerebbe nella norma e quindi potremmo tranquillamente ricominciare a bere l’acqua del rubinetto.

 

Ognuno è libero di utilizzare le informazioni come vuole. Anche per perorare una causa, ma questo modo di agire ricorda tanto da vicino quelli che, parlando di criminalità tra gli immigrati, la tollerano ricordandoci che anche gli italiani delinquono.

Si dimenticano però che la vittima di un reato commesso da un immigrato clandestino non sarebbe tale se il medesimo clandestino fosse rimasto a casa sua; cosa inevitabile nel caso di un residente.

Ma non è di queste polemiche spicciole che voglio parlare, quanto piuttosto della famosa tabella appena mostrata.

Mi chiedo dove ci sia equità nella ripartizione dei profughi in quote.

 

Le cause originarie dell’immigrazione di massa

Se è vero che per risolvere i problemi dovremmo risalire alle cause originali, suggerisco di farlo anche in questo caso.
Ho un pensiero tutto personale sul tema dei clandestini, ma saldamente ancorato da diversi anni nella testa.Ormai è opinione comune che la causa originaria dell’immigrazione odierna risiede nel colonialismo del secolo scorso.
Cosa scopriremmo se andassimo a vedere chi davvero ha creato il problema?

 


immigrati e colonialismo in Africa
fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_del_colonialismo_in_Africa

 

immigrati e colonialismo in Africa
fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_del_colonialismo_in_Africa

 


Ci accorgeremmo che la ripartizione nella tabella è tutto fuorché equa e soprattutto corretta.

La suddivisione degli immigrati in Europa è equa?
È giusta?
Non dovrebbe essere fatta sulla base dei danni che i Paesi europei hanno fatto in Africa?

La mia opinione è che ciascuno dei Paesi colonizzatori di oggi e di ieri dovrebbe accogliere i propri, risarcire (cioè RIPARARE) i danni che ha fatto, ristabilire un rapporto di pari reciprocità con gli Stati interessati e poi provvedere al rimpatrio assistito a chi volesse fare ritorno. Vice versa offrirgli lavoro ed istruzione preferiti.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *